Farine della pinsa

Le farine della Pinsa

La Pinsa Romana è un prodotto che è entrato recentemente a fare parte del mondo della ristorazione, ma da subito diventato un piatto culinario che tutti desiderano provare. È una specialità della cucina italiana, nello specifico romana, che è diventata un prodotto di successo negli ultimi anni. Ma cos’è la Pinsa Romana?

 

La Pinsa Romana è il risultato di un mix di farine, farina di soia, farina di riso e farina di frumento, che insieme alla lunga lievitazione rendono questo prodotto leggero e facilmente digeribile. La Pinsa è una base che si può utilizzare con infiniti ingredienti ed essendo un base precotta, bastano pochissimi minuti per ogni tipo di preparazione. Ideale per qualsiasi locale e ogni tipo di ristoratore!

 

Ma sono le farine, elementi caratterizzanti di questo prodotto, che la rendono perfetta per ogni ricetta del tuo menù, dagli antipasti, al take-away o al dolce. Perlopiù, la Pinsa è una base adatta ai più svariati dei consumatori, anche per il consumatore vegano o vegetariano.  Vediamo insieme nel dettaglio le farine della Pinsa e perché rendono questo prodotto così unico:

 

  • Farina di soia
    la farina di soia si ottiene dalla macinazione dei semi della soia, una pianta vegetale di origine est-asiatica. La farina di soia oltre ad essere un tipo di farina molto leggera e priva di glutine, ha anche un alto valore proteico.
    Ma non dimentichiamoci delle altre caratteristiche della farina di soia, ovvero un alto concentrato di fibre, fonte di vitamine e anche di sali minerali. La farina di soia nell’impasto della Pinsa svolge in particolare il compito di prolungare ciò che è la durata della vita del prodotto e ci permette di non usare nessun tipo di grasso animale!
    La mancanza di grassi animali è un altro fattore che rende la Pinsa così altamente digeribile e leggera. Dunque, a seconda della tua ricetta, la Pinsa Romana ti permette di ampliare il tuo menu con anche un’offerta vegetariana e vegana.
  • Farina di riso
    la farina di riso invece si ottiene dalla macinazione di un seme più comune, ovvero il riso. La farina di riso, anche essa senza glutine, ha un basso apporto di grassi. La farina di riso, essendo così leggera, è l’elemento che garantisce una delle proprietà caratteristiche della Pinsa Romana. Essa, la farina di riso, permette quindi all’impasto di rimanere croccante fuori e morbido dentro.
  • Farina di frumento
    la farina di frumento è una tipo di farina comune alla alimentazione di tutti i giorni. Essa si ottiene dalla macinazione dei chicchi di grano. La farina di frumento utilizzata nella preparazione della Pinsa è una farina di frumento di alta qualità e questo determina l’alta idratazione della Pinsa. La Pinsa Romana infatti contiene l’80% di acqua e la farina di frumento di qualità riesce ad assorbire più acqua. È un altro dei fattori che rendono la Pinsa così leggera!

La Pinsa Romana di Pinsami Professional è anche disponibile nella versione con farina di frumento integrale.

 

Un altro ingrediente che rende speciale la Pinsa Romana è la pasta madre essiccata. La pasta madre o lievito madre essiccato è ottenuto mediante il processo di fermentazione della farina e la sua specialità è quella di affinare/migliorare il gusto e il profumo dei panificati, quindi anche della Pinsa.

 

Scopri tutte le nostre Pinse, classica o integrale, e tutti i formati per il tuo locale. La nostra Pinsa esiste anche in diverse linee di conservazione, dalla fresco che si può conservare in frigo per 45 giorni, alla gelo con una shelf life di 18 mesi in quanto può essere tenuta in freezer, e infine la ambient che si può comodamente conservare in dispensa per 60 giorni.

 

Troverai un prodotto per ogni tua esigenza, che sia bar, ristorante, pizzeria o altro!

Torna su